Is this email not displaying correctly? View it in your browser.
CERREC CENTRAL EUROPE
REPAIR AND RE-USE CENTRES AND NETWORKS
Newsletter IT 2/2012
Newsletter

1 anno del progetto CERREC

Il progetto CERREC ha raggiunto il secondo anno di attività. Il team di progetto può contare su molti elementi rilevanti e eventi realizzati nel primo anno. Il focus del primo anno di progetto è stato il processo di partecipazione degli stakeholder a livello nazionale, attività di pubbliche relazioni, raccolta di dati relativi alle condizioni del riutilizzo nei paesi partner e il lavoro sulle prime nozioni per la creazione di centri e reti per il riutilizzo.

Maggiori informazioni relative ai primi risultati di progetto qui:

  • Processo di partecipazione degli stakeholders

Per identificare e strutturare le condizioni generali per l’implementazione del riutilizzo nelle regioni partner e per renderle disponibili ai partner, per discutere le opportunità di un mutuo apprendimento dalle esperienze, situazioni e sviluppo di ognuno, diventano cruciali per il progetto una visione comune dell’implementazione del riutilizzo in Europa Centrale e il processo di partecipazione degli stakeholder nazionali.

Questo dovrebbe essere una sorta di trasferimento e scambio per la discussione, conoscenza e valutazione per lo sviluppo degli output di progetto.

  • Partecipazione transnazionale degli stakeholder

I partner hanno deciso di istituire un gruppo transnazionale di stakeholders per scambiare i diversi punti di vista regionali e nazionali sul tema del riutilizzo, per imparare reciprocamente e per sviluppare sinergie transnazionali- che proseguano anche dopo la chiusura del progetto. Questo gruppo sarà supportato da una dichiarazione politica dei paesi aderenti a CERREC.

  • Banca dati delle buone pratiche

Nell’ambito del progetto CERREC i partner lavorano su una banca dati dove vengono raccolte e presentate buone pratiche di imprese e sistemi di successo dentro e fuori dall’Unione Europea . Il database sarà pubblicato sul sito di progetto (www.cerrec.eu/downloads/).

  • Report nazionali sulle condizioni generali per il riutilizzo

L’obiettivo dei report nazionali è di documentare le condizioni specifiche per l’implementazione di attività sul riutilizzo nei paesi partner. Sono state condotte infatti ricerche riguardanti le situazioni attuali e passate. Ogni paese partner ha compilato un report che valuta figure e fatti sulle strutture per i rifiuti, l’ammontare di materiale riutilizzabile, le potenzialità del mercato e le condizioni nazionali. Verrà stilato un report riassuntivo comune basato su questi report.

  • Azioni pilota

Entro la fine del 2012 in almeno 4 diverse regioni saranno iniziate le azioni pilota. L’obiettivo delle azioni pilota è di entrare maggiormente nel processo di implementazione (fattori di successo, barriere) e di elaborare gli output reali per ulteriori implementazioni (business plan, raccomandazioni per migliorare il processo di implementazione, allocazione di ruoli e responsabilità). La realizzazione di azioni pilota intende provare il modello di implementazione e gli standard qualitativi sviluppati durante il progetto.

Maggiori informazioni sulle prime azioni pilota sono disponibili nel seguente articolo.

  • Manuale di implementazione per centri di riutilizzo e riparazione accreditati

L’obiettivo del manuale è di mostrare le diverse opportunità alle organizzazioni e alle autorità interessate di costruire reti per attività di riparazione e riutilizzo che possono accreditarsi sulla base dei regolamenti nazionali di gestione dei rifiuti.

La versione testo del manuale conterrà modelli per i centri e le reti per il riutilizzo, descrizione degli aspetti finanziari per l’implementazione, un modello di comunicazione e informazioni legali. La versione finale del manuale si baserà su raccomandazioni derivanti dalla valutazione delle azioni pilota e sarà pubblicata sul sito del progetto e sulla piattaforma.

  • Gestione di qualità e sistema di accreditamento per le reti e i centri per il riutilizzo

I centri e le reti per la riparazione e il riutilizzo dovrebbero assicurare una gestione di qualità e un riconoscimento ufficiale a certi livelli. Quindi saranno preparati gli standard di qualità per il processo del riutilizzo basandosi sull’identificazione dei bisogni qualitativi in ogni sezione del processo.

In seguito, sarà sviluppato un sistema modulare di accreditamento per le diverse forme regionali di reti di riparazione e riutilizzo basati su standard di qualità e i requisiti approvati durante gli incontri tra esperti e stakeholder regionali e nazionali.

Questo sistema di gestione di qualità includerà criteri di qualità per i tutti i passaggi del processo del riutilizzo.

  • Piattaforma transnazionale di scambio per la riparazione e il riutilizzo

La piattaforma on line di scambio per la riparazione e il riutilizzo è una delle attività sostenibili più importanti del progetto. La piattaforma garantirà la cooperazione tra i partner del progetto anche dopo la chiusura dello stesso.

La piattaforma transnazionale fornirà know-how specifico e informazioni sui servizi di riparazione. Inoltre sarà una piattaforma di scambio per temi relativi al riutilizzo dei rifiuti, usando parti separate e prodotti riciclati per incontrare i bisogni di risparmio energetico in ogni regione.

I principali temi per il 2012

Negli ultimi mesi del 2012 il team di progetto lavorerà sull’ulteriore disseminazione dei temi del progetto e sul supporto al processo di partecipazione degli stakeholder. Durante i workshop con i principali stakeholder saranno verificate le condizioni favorevoli, i pro e i contro alla creazione di centri per il riutilizzo. Parallelamente agli incontri tra stakeholder a livello nazionale, saranno organizzati anche incontri transnazionali tra esperti. Inoltre, la versione cartacea del manuale di implementazione sarà messo in pratica attraverso l’avvio di progetti pilota in 4 regioni.

La preparazione del sistema di accreditamento per i centri per la riparazione e il riutilizzo basati su standard di qualità e l’elaborazione di una versione di lancio della piattaforma transnazionale per lo scambio sulla riparazione e il riutilizzo sono alcune delle principali attività iniziate quest’anno.

Incontri tra partner ed esperti nell’ambito del progetto CERREC

Si sono già tenuti 2 incontri tra partner nel 2012. Il secondo meeting transnazionale generale è stato organizzato ad Asti il 20 e 21 febbraio 2012 e il terzo è stato organizzato a Toruń/Poland (4/6/2012-6/6/2012). I partner di progetto hanno presentato i loro primi risultati tangibili e sono state discusse le successive fasi nel dettaglio. Sono state anche discusse le prime bozze e strategie per la piattaforma di comunicazione, l’operazione di raccolta di buone pratiche nel database e il processo di identificazione delle condizioni del riutilizzo a livello nazionale. Inoltre, gli obiettivi chiave del progetto come il manuale di implementazione, lo sviluppo di standard qualitativi per il processo del riutilizzo e la descrizione della piattaforma transnazionale di scambio sono stati introdotti e discussi dal team di progetto durante i meeting.

Incontro del comitato consultivo di esperti

Il primo meeting del comitato consultivo degli esperti, che si è tenuto il 6 giugno 2012 a Torun, è stato uno dei principali eventi di questo periodo. Il comitato è stato istituito all’inizio del progetto con l’obiettivo di rivedere i risultati raggiunti sul tema della fattibilità, sostenibilità e trasferibilità. Gli esperti del comitato supervisioneranno l’andamento globale del progetto.

Molti ospiti esterni da tutti i paesi partner inclusi esperti in diversi aspetti del trattamento dei rifiuti hanno partecipato ai meeting.

Dopo un breve giro di presentazione degli esperti del comitato i fatti, numeri e passi successivi del progetto CERREC sono stati presentati dai partner di progetto.

Nel corso della riunione i risultati delle relazioni nazionali sulle condizioni generali per il riutilizzo, nonché i modelli per l’attuazione di reti e centri per il riutilizzo sono stati presentati agli esperti. La parte più importante per gli esperti EAB è stata la discussione sulla definizione di riutilizzo e lo stato di attuazione all’interno della gestione dei rifiuti. Per quanto riguarda la classificazione europea dei rifiuti, l’attività di riutilizzo può avvenire sia sul primo livello (prevenzione) o sul secondo (preparazione per il riutilizzo).

Risultati del tavolo degli esperti esterni

In sintesi, si può dire che il quadro e le condizioni di partenza, e lo stato di attuazione della normativa europea, sono diverse nei paesi del progetto. A causa di queste differenti situazioni il progetto ha bisogno di un maggiore scambio di know how tra i partner e suggerimenti da parte degli esperti esterni dell’EAB.

Il tavolo degli esperti esterni (EAB) avrà luogo due volte l’anno. Esso si occuperà degli interessi e delle esigenze dei partner in tutti i paesi e sosterrà l’attuazione del riutilizzo nei paesi partecipanti. Il prossimo incontro dell’EAB si terrà a Budapest, il 27 settembre 2012. Per ulteriori informazioni non esitate a contattare il partner di progetto nel vostro paese.

Risultati delle indagini sulle condizioni quadro nazionali

Quali sono le condizioni quadro per l’attuazione del riutilizzo in Centro-Europa?

Una delle attività principali del progetto CERREC è l’indagine sulle effettive condizioni quadro nazionali per il riutilizzo in ciascun paese partner. L’indagine ha riguardato i seguenti temi correlati al progetto:

  • Legislazione – stato di attuazione della direttiva quadro sui rifiuti del Parlamento Europeo 2008/98/CE, che richiede l’attuazione dell’attività di riutilizzo;
  • Ambiente – stime relative alla quantità di rifiuti riutilizzabili e delle relative strutture di gestione dei rifiuti;
  • Economia sociale – rivela le condizioni di lavoro, la domanda e le potenzialità;
  • Istruzione – si concentra su programmi formativi relativi al riutilizzo tuttora esistenti;
  • Stato dell’arte – revisione delle strutture, organizzazioni e imprese attive nel campo del riutilizzo;
  • Sensibilizzazione del pubblico – rilevamento della generale opinione pubblica e della sensibilizzazione sul riutilizzo e attitudine a cooperare;
  • Condizioni economiche e potenzialità del mercato – riguarda la domanda e l’offerta di prodotti riutilizzabili e le generali intenzioni per le attività della rete di riutilizzo.

Le relazioni nazionali sono state raccolte in ogni paese partner di CERREC e da queste è stato elaborato un rapporto conclusivo sulla situazione generale.

La situazione del riutilizzo in Europa Centrale è caratterizzata nei paesi dei partner del progetto secondo la tabella che segue:

AT HU IT SK PL DE CZ
Legislazione Positivo Neutro Positivo Neutro Neutro Neutro Neutro
Ambiente Positivo Positivo Positivo Neutro Neutro Neutro Neutro
Economia sociale Positivo Positivo Positivo Positivo Positivo Positivo Positivo
Stato dell’arte Positivo Neutro Neutro Neutro Neutro Neutro Neutro
Sensibilizzazione del pubblico Neutro Positivo Neutro Positivo Neutro Neutro Positivo
Condizioni economiche e potenzialità del mercato Positivo Positivo Neutro Neutro Positivo Positivo Neutro

Come mostra la tabella, nessun parametro è stato considerato come negativo dal punto di vista delle attività della rete di riutilizzo. Un risultato comune del sondaggio è il beneficio dell’economia sociale nei confronti della realizzazione di reti e centri per il riutilizzo. Considerando il rapporto globale, il più basso tasso positivo riguarda il parametro “stato dell’arte”. Il sistema di riutilizzo è poco sviluppato in tutti i paesi dell’Europa Centrale, in particolare nella parte orientale. Oltre a questo, anche il quadro giuridico è problematico, in quanto è molto più vicino al tasso di neutro che positivo. Sembra che la normativa – in cui il riutilizzo è già recepito nella legislazione nazionale – non sostenga totalmente il riutilizzo.

Il lavoro di pubbliche relazioni per il riutilizzo dovrebbe essere notevolmente ampliato. Anche se vi è una domanda di prodotti ri-usati in tutto il Centro Europa, vi è una mancanza di conoscenza sulle possibilità di donazione, sistemi di raccolta, di rinnovamento dei prodotti e dei servizi di riparazione e negozi per la loro vendita. Per quanto riguarda i prodotti usati, i temi principali sono:

  • marketing di prodotto, qualità del prodotto e garanzia, che può essere migliorata utilizzando gli standard di qualità riconosciuti e universali e comunicando queste caratteristiche al pubblico.
  • alta obsolescenza e errata raccolta e trattamento dei prodotti nel flusso dei rifiuti ingombranti flusso e in una mancanza di prodotti riutilizzabili in alcuni paesi.

Considerando la fattibilità finanziaria del riutilizzo, i costi del personale per il trattamento di prodotti riutilizzati sono cruciali. Un possibile supporto può derivare dal finanziamento per l’occupazione di persone da lungo tempo disoccupate o disabili. Iniziative già esistenti nei paesi sviluppati della Comunità Europea dimostrano il funzionamento di questo supporto per le loro attività, di solito grazie a fondi regionali.

Secondo i risultati di studi nazionali, vi è un elevato potenziale per la creazione di centri e reti per il riutilizzo nei paesi dell’Europa Centrale. Ci sono alcuni problemi ben identificati che devono essere curati e gestiti, ma la soluzione di questi possono portare ad attività di riutilizzo di successo in tutti gli Stati Europei membri.


Illustrazione: negozio di prodotti di seconda mano a Graz

- Bay Zoltán Nonprofit Ltd.

Dalla teoria alla pratica – le prime azioni pilota

Sotto l’ombrello di CERREC, il team di progetto ha favorito e sostenuto il lancio delle prime due azioni pilota in Burgenland e nel Tirolo – due province dell’Austria. Prima di tutto un gruppo di soggetti interessati è stato istituito per sviluppare le soluzioni migliori per l’attuazione a livello regionale delle attività di riutilizzo.

Il partner di progetto austriaco ARGE – prevenzione dei rifiuti e ATM hanno organizzato diversi workshop nel Burgenland e nel Tirolo per sostenere la creazione di reti di riutilizzo. Uno dei punti chiave è stato il coordinamento tra i soggetti diversi con background e visioni differenti e la definizione di obiettivi comuni e strategie per l’attuazione.

Con il coinvolgimento attivo degli attori locali e di esperti (ad esempio i rappresentanti delle autorità di gestione dei rifiuti e imprese sociali per l’integrazione lavorativa), i concetti, le condizioni quadro, le potenzialità e le capacità dei partner della rete sono state discusse e valutate. Tali strategie includono soluzioni per superare le principali barriere per l’attuazione come la scarsità di risorse e capacità, la mancanza di disponibilità di elementi riutilizzabili e i vincoli legali.

L’obiettivo è lo sviluppo di un business plan per l’attuazione e per iniziare con le prime attività pilota in entrambe le regioni entro i prossimi mesi.

- ARGE prevenzione dei rifiuti, protezione delle risorse e sviluppo sostenibile Ltd.

Conferenza finale TransWaste

“Meno rifiuti, più risorse – Riutilizzo e settore sociale in Europa”

Lunedi 24 e Martedì 25 settembre 2012 si terrà a Budapest la conferenza finale del progetto TransWaste dell’Europa Centrale. L’obiettivo della manifestazione è di riunire le persone e/o organizzazioni che sono attive nel settore del riutilizzo e/o settore informale della gestione dei rifiuti per dare la possibilità di conoscere e discutere diversi studi di caso e soluzioni per il riutilizzo con una particolare attenzione al settore informale. Oltre allo scambio di esperienze internazionali, saranno presentati anche i principali risultati del progetto e casi di studio di TransWaste.

Per maggiori informazioni si prega di consultare la brochure informativa (scarica il PDF)!

Team di progetto

Capofila e gestore finanziario
Municipal Waste Management Association Mid-Tyrol (ATM);
Schwaz, Austria
Contatto: Christian Leonhartsberger; leonhartsberger@cerrec.eu
Telefono: +43 5242 62400-26

Coordinatore di progetto e delle reti e centri per la riparazione ed il riutilizzo
BAN Sozialökonomische BetriebsgmbH (BAN);
Graz, Austria
Contatto: Sandra Meier; meier@cerrec.eu
Telefono: +43 (0)316 71 23 09

Comunicazione, gestione della conoscenza e diffusione
CZ Biom - Czech Biomass Association (CZ Biom);
Praga, Repubblica Ceca
Contatto: Jan Doležal; dolezal@cerrec.eu
Telefono: +420 773 796 380

Partecipazione degli Stakeholder
Bay Zoltán Nonprofit Ltd.
Miscolc, Ungheria
Contatto: Zsolt István; istvan@cerrec.eu
Telefono: +36.46 560-119

Gestione della qualità e sistema di accreditamento per centri e reti si riutilizzo
bag Arbeit e.V (bag Arbeit);
Berlino, Germania
Contatto: Alina Simon; simon@cerrec.eu
Telefono: +49(0) 30 28 30 58 10

Piattaforma transnazionale di scambio per la riparazione e il riutilizzo
Agenzia di sviluppo LAMORO;
Asti, Italia
Contatto: Sonia Abluton; abluton@cerrec.eu
Telefono: +390 141 532 516


Altri partner

Kujawsko-Pomorskie Voivodeship;
Torún, Polonia
Contatto: Dorota Olga Olszewska; olszewska@cerrec.eu
Telefono: +48 566 218 505

Provincia di Rimini;
Rimini, Italia
Contatto: Emilio Urbinati; urbinati@cerrec.eu
Telefono: +390 541 716 363

Slovak University of Technology in Bratislava (STU Bratislava);
Bratislava, Slovacchia
Contatto: Peter Križan; krizan@cerrec.eu
Telefono: +421 57 29 65 37

CERREC This project is implemented through the CENTRAL EUROPE Programme co-fi nanced by the ERDF.

Copyright © 2017 CERREC, All rights reserved.

Our mailing address is:
newsletter@cerrec.eu
  To unsubscribe from our maing list write email with subject “unsubscribe CERREC newsletter” to: unsubscribe@cerrec.eu